Valle di Comino, un’eccellenza di sapori: viaggio nel gusto

Pecorino di Picinisco DOP, Cabernet di Atina DOC, Maturano, fagioli cannellini, e tante altre delizie per un viaggio nel gusto in Valle di Comino

Estate, nuovi profumi nell’aria, la natura intorno che fiorisce rigogliosa, la voglia di gustare qualcosa che abbia il sapore e l’odore di questa bellissima terra.

Un viaggio in Valle di Comino è un viaggio nel gusto, tra le eccellenze di questo territorio, a partire dal Pecorino di Picinisco DOP, il Cabernet di Atina DOC, il Maturano, i fagioli cannellini, e molti altri prodotti tipici protagonisti di tante deliziose ricette ma anche di esperienze enogastronomiche di livello.

Le esperienze di gusto in Valle di Comino sono infinite e in questo piccolo angolo di paradiso nel centro d’Italia puoi lasciarti coccolare il palato dopo una bella pedalata o una passeggiata nei suggestivi percorsi naturalistici, immersi nella bellezza del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Cominciamo dal famoso Pecorino di Picinisco PDO, prodotto simbolo di questa terra e della sua forte vocazione all’agricoltura e alla pastorizia. Ancora oggi è possibile seguire le antiche vie dei tratturi, scoprire i costumi e le tradizioni che hanno portato alla creazione di un formaggio dalle caratteristiche uniche, dettate da un rigoroso disciplinare su cui vigila l’Associazione dei produttori Pecorino di Picinisco.

I produttori del Pecorino di Picinisco DOP sono tra tra gli attenti custodi che in Valle di Comino portano avanti la tradizione di questo orgoglio del territorio. Le loro famiglie sono spesso pastori e casari da generazioni e ancora oggi, con amore e passione, si occupano degli animali e di accogliere chiunque arrivi qui e voglia gustare il famoso formaggio, ormai esportato in tutto il mondo. La DMO Ciociaria-VALLE DI COMINO ha accolto tra le proprie esperienze quelle di Casa Lawrence e Agricola San Maurizio, due aziende a conduzione familiare i cui proprietari sono pronti a farvi vivere la storia e i sapori del Pecorino di Picinisco nelle versioni “Scamosciato” e “Stagionato”, oltre che a viziarvi con i propri prodotti tipici eccezionali e apprezzatissimi.

Si passa dalla degustazione, che oltre al Pecorino include ricotta (fresca e secca), marzoline, scamorze, Conciato di San Vittore, alla dimostrazione della produzione casearia e alla visita delle fattorie dove vengono curati gli animali fino a delle vere e proprie cooking class con il Pecorino di Picinisco DOP a farla da padrone.

E per chi lo desidera, solo nel mese di giugno, è possibile vivere l’esperienza della transumanza come si faceva una volta: una notte sotto le stelle per accompagnare le greggi ai pascoli d’altura, a 1400 metri, tra i monti del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Cominciamo dal famoso Pecorino di Picinisco PDO, prodotto simbolo di questa terra e della sua forte vocazione all’agricoltura e alla pastorizia. Ancora oggi è possibile seguire le antiche vie dei tratturi, scoprire i costumi e le tradizioni che hanno portato alla creazione di un formaggio dalle caratteristiche uniche, dettate da un rigoroso disciplinare su cui vigila l’Associazione dei produttori Pecorino di Picinisco.

I produttori del Pecorino di Picinisco DOP sono tra tra gli attenti custodi che in Valle di Comino portano avanti la tradizione di questo orgoglio del territorio. Le loro famiglie sono spesso pastori e casari da generazioni e ancora oggi, con amore e passione, si occupano degli animali e di accogliere chiunque arrivi qui e voglia gustare il famoso formaggio, ormai esportato in tutto il mondo.

La DMO Ciociaria-VALLE DI COMINO ha accolto tra le proprie esperienze quelle di Casa Lawrence e Agricola San Maurizio, due aziende a conduzione familiare i cui proprietari sono pronti a farvi vivere la storia e i sapori del Pecorino di Picinisco nelle versioni “Scamosciato” e “Stagionato”, oltre che a viziarvi con i propri prodotti tipici eccezionali e apprezzatissimi.

Si passa dalla degustazione, che oltre al Pecorino include ricotta (fresca e secca), marzoline, scamorze, Conciato di San Vittore, alla dimostrazione della produzione casearia e alla visita delle fattorie dove vengono curati gli animali fino a delle vere e proprie cooking class con il Pecorino di Picinisco DOP a farla da padrone.

E per chi lo desidera, solo nel mese di giugno, è possibile vivere l’esperienza della transumanza come si faceva una volta: una notte sotto le stelle per accompagnare le greggi ai pascoli d’altura, a 1400 metri, tra i monti del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

La degustazione di una tale eccellenza non può che essere accompagnata da altre esperienze enogastronomiche per gustare le eccellenze locali, come i vini della Valle di Comino.

Oltre al famoso Cabernet di Atina DOC, in questa meravigliosa terra alcuni intrepidi vitivinicoltori hanno deciso di recuperare diverse varietà di uve autoctone in via di estinzione come Maturano Bianco, Maturano Nero, Pampanaro, Lecinaro, Capolongo, Raspato Nero e Reale Bianca, dalle cui uve si producono vini degni di nota.

La degustazione di una tale eccellenza non può che essere accompagnata da altre esperienze enogastronomiche per gustare le eccellenze locali, come i vini della Valle di Comino.

Oltre al famoso Cabernet di Atina DOC, in questa meravigliosa terra alcuni intrepidi vitivinicoltori hanno deciso di recuperare diverse varietà di uve autoctone in via di estinzione come Maturano Bianco, Maturano Nero, Pampanaro, Lecinaro, Capolongo, Raspato Nero e Reale Bianca, dalle cui uve si producono vini degni di nota.

È questa anche la storia del nostro socio Cesidio Di Ciacca, avvocato scozzese di origini italiane che, innamoratosi del Belpaese e di Picinisco, il borgo da cui i suoi avi erano partiti circa un secolo fa, ha intrapreso un’avventura imprenditoriale volta al recupero non solo del vitigno autoctono Maturano ma dell’intera piccola contrada dove la sua famiglia aveva vissuto per generazioni, un progetto di riqualificazione che ha meritato persino il premio “URSA 2015 — Best project for a better tomorrow”.

Ascoltando Cesidio mentre racconta la scoperta del vitigno, la storia, le tradizioni e la bellezza di questo piccolo angolo di Valle, si comprende che grande scommessa sia stata quella della sua famiglia, che ha puntato tutto su un approccio ecologico ed etico all’agricoltura e alla gestione della piccola azienda agricola, ripristinando qui un’antica tradizione di vinificazione, con l’obiettivo quello di mantenere e condividere la tradizione di ospitalità, cibo, vino e cultura di Picinisco e della Valle di Comino.

Il vitigno Maturano è un antico autoctono, a bacca bianca, di cui poco si conosce e che pochi producono. Il vino che se ne ottiene è di colore giallo paglierino, caratterizzato da profumi e delicati sapori di frutti tropicali come ananas, papaia, pesca, banana e mela gialla, note erbacee e riflessi dorati, in generale intenso e complesso con un sottofondo minerale.

È questa anche la storia del nostro socio Cesidio Di Ciacca, avvocato scozzese di origini italiane che, innamoratosi del Belpaese e di Picinisco, il borgo da cui i suoi avi erano partiti circa un secolo fa, ha intrapreso un’avventura imprenditoriale volta al recupero non solo del vitigno autoctono Maturano ma dell’intera piccola contrada dove la sua famiglia aveva vissuto per generazioni, un progetto di riqualificazione che ha meritato persino il premio “URSA 2015 — Best project for a better tomorrow”.

Ascoltando Cesidio mentre racconta la scoperta del vitigno, la storia, le tradizioni e la bellezza di questo piccolo angolo di Valle, si comprende che grande scommessa sia stata quella della sua famiglia, che ha puntato tutto su un approccio ecologico ed etico all’agricoltura e alla gestione della piccola azienda agricola, ripristinando qui un’antica tradizione di vinificazione, con l’obiettivo quello di mantenere e condividere la tradizione di ospitalità, cibo, vino e cultura di Picinisco e della Valle di Comino.

Il vitigno Maturano è un antico autoctono, a bacca bianca, di cui poco si conosce e che pochi producono. Il vino che se ne ottiene è di colore giallo paglierino, caratterizzato da profumi e delicati sapori di frutti tropicali come ananas, papaia, pesca, banana e mela gialla, note erbacee e riflessi dorati, in generale intenso e complesso con un sottofondo minerale.

L’esperienza di degustazione offerta dall’azienda agricola “I Ciaccia” è quindi un viaggio nella storia e nella bellezza della Valle di Comino e della sua gente, appassionata e desiderosa di continuare a far conoscere e apprezzare queste piccole gemme nascoste nel cuore d’Italia, dove la natura incontaminata del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise ancora avvolge e protegge questi piccoli borghi.

Un semplice aperitivo tra un sorso di Maturano e il sapore deciso del Pecorino di Picinisco DOP si trasforma, in Valle di Comino, nella rievocazione di secoli di storia familiare e locale, diventando scoperta di un modo nuovo di assaporare prodotti di eccellenza e godere in relax di una destinazione lontana dal caos del turismo di massa, a misura d’uomo e di natura.

en_GB